web analytics

Tumore al seno: presentata la Campagna Nastro rosa 2023 di LILT

Ottobre è il “mese rosa” e nei 397 ambulatori aderenti a LILT sarà possibile prenotare visite senologiche. Nel pomeriggio di ieri è stata presentata la Campagna Nastro Rosa 2023 per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce del cancro al seno. Gemmato: “Prevenzione tema centrale. C’è uno sforzo enorme del Governo e del ministro Schillaci per rafforzare il Fsn”.

La Campagna Nastro Rosa 2023 della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) dal titolo eloquente La prevenzione è sempre la risposta giusta, è stata presentata ieri al Ministero della Salute alla presenza del sottosegretario Marcello Gemmato.

Con circa 60mila nuovi casi in Italia, il carcinoma mammario si conferma anche per il 2023 la neoplasia più frequente nelle donne, rappresentando circa il 30% di tutti i tumori e facendo salire così ad oltre 900mila le donne che avranno personalmente vissuto l’esperienza cancro al seno.

“Si tratta ormai di una problematica sociosanitaria che richiede nuove strategie operative – ha spiegato il presidente della LILT, Francesco Schittulli – attualmente la guaribilità raggiunge l’85% dei casi e questo risultato è stato possibile grazie alla disponibilità delle nuove tecnologie diagnostiche, dei trattamenti terapeutici efficaci, della possibilità di predire questa patologia e anche della maggiore consapevolezza delle donne. Ora, per raggiungere il traguardo della mortalità zero per cancro al seno, quello che chiediamo alle Istituzioni è un forte e concreto impegno nel garantire uniformità territoriale dello screening annuale, a partire dai 40 anni e sino ai 75 anni di età, un follow-up programmato per le donne già colpite dal cancro al seno e un coinvolgimento attivo e diretto del mondo scolastico, per insegnare alle più giovani i corretti stili di vita e la pratica dell’autoesame. Le giovani donne – conclude Schittulli – rappresentano infatti un target particolarmente interessato, visto che negli ultimi dieci anni si sta registrando un progressivo incremento di casi di tumore al seno in donne under 50 anni”.

La prevenzione dei tumori è uno dei temi centrali della sanità: “Con la Lega italiana per la lotta contro i tumori, parliamo di tumore al seno, una neoplasia che se diagnosticata per tempo, ha l’85% di chance di essere debellata questo vuol dire che la diagnosi precoce è fondamentale. Ma nella fase pandemica le diagnosi si sono ridotte drasticamente. Dobbiamo invertire questa tendenza e questo è il nostro compito precipuo” ha aggiunto il sottosegretario ricordando che Governo è impegnato su questo fronte “siamo prossimi alla legge di bilancio e non possiamo dimenticare che l’effetto collaterale positivo della prevenzione è anche il forte risparmio che ingenera per il Ssn. Un risparmio che può essere reinvestito in sanità”. Ha sottolineato il sottosegretario alla salute, Marcello Gemmato.

C’è uno sforzo enorme da parte della premier Meloni e del ministro Schillaci per rafforzare il Fondo sanitario nazionale: “Il Governo Meloni – ha aggiunto Gemmato – crede nella sanità pubblica e nella sua universalità: nel 2019 il Fondo sanitario nazionale era di 114 mld di euro e oggi abbiamo 130 mld di euro. Sono speranzoso che il Fondo aumenterà. In queste ore sapremo quale sarà la previsione del Mef, ma credo che si aggiungerà un ulteriore segno più e questo ci rassicura e deve rassicurare i professionisti sanitari”.

Non solo, Gemmato ha poi rivolto un plauso alla LILT, direttamente controllata dal ministero: “Credo fermamente che i nuovi modelli organizzativi promossi dalla LILIT in termini di prevenzione servano a migliorare le performance del nostro Ssn. Essere qui quest’oggi ci dimostra l’esistenza di un associazionismo forte e presente in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Il nostro compito come Ministero è quello di incentivare la diagnosi precoce perché il nostro obiettivo principale è salvaguardare il benessere delle persone. Per questo motivo abbiamo deciso di abbassare la fascia di età per lo screening a 45 anni nel nostro piano oncologico nazionale 2023-2027”.

Per prenotare durante tutto il mese di ottobre le visite senologiche negli ambulatori aderenti alla LILIT sarà possibile prenotare, basterà contattare il numero verde 800-998877 (lun-ven 10-15).

 

Condividi la notizia:

Chi siamo

Quotidiano online sulla sanità pugliese in particolare sulla provincia di Lecce, Brindisi e Taranto. Per inviare i vostri contributi: pugliasanitanews@gmail.com

Ultime notizie

  • All Post
  • Alimentazione e benessere
  • Ambiente & Salute
  • Associazioni
  • Attualità
  • Avvisi
  • Aziende
  • Bari
  • Bat
  • Brindisi
  • Cura e Cultura
  • Diritto & Salute
  • Eventi
  • Farmacia
  • Foggia
  • Fondazioni
  • Internazionali
  • Interviste di PugliaSanita
  • Lecce
  • Mi curo di te
  • Nazionali
  • News
  • Prima pagina
  • Primissima
  • Redazione
  • Regionali
  • Ricerca
  • Rubriche
  • Senza categoria
  • Sport e Salute
  • Taranto

© 2023 Created by Bpmsoft Srl