web analytics

Taranto, “SS. Annunziata”: ecco le nuove regole di accesso al Pronto Soccorso

Nuove semplici regole per migliorare la comunicazione tra gli assistiti, i loro parenti e il personale in servizio. L’appello del Direttore generale dell’Asl di Taranto, Vito Gregorio Colacicco: “Chiediamo a sanitari, pazienti e parenti, collaborazione, buona educazione e rispetto reciproco”.

 Ogni anno, nel mese di agosto, si registra un aumento degli accessi al Pronto Soccorso, a causa sia delle patologie legate al caldo sia degli incidenti stradali e degli infortuni, di solito più frequenti durante le vacanze. Proprio in questo periodo decisamente più “caldo”, a fronte di un ridotto numero di medici e infermieri in servizio, la Direzione strategica della Asl Taranto ha voluto redigere ed esplicitare la procedura da seguire per gli eventuali accompagnatori, in modo da ridurre nervosismi e equivoci che possono portare a episodi di rabbia incresciosi per gli assistiti e per i sanitari.

La procedura, riportata sui manifesti affissi all’interno e all’esterno del Pronto soccorso, ha regole semplici: ogni paziente indicherà in fase di triage un solo accompagnatore, questi consegnerà il proprio documento di identità e riceverà un pass da indossare durante la permanenza al Pronto Soccorso. In questo modo, sarà identificato facilmente dal personale in servizio e potrà ricevere tutti gli aggiornamenti sullo stato di salute del proprio congiunto; si eviteranno affollamenti o l’accesso di persone non autorizzate. Agli accompagnatori, poi, verrà fornito anche il numero di telefono al quale si potrà eventualmente chiamare per ricevere informazioni utili sullo stato generale del paziente.

“I professionisti del Pronto Soccorso lavorano in condizioni difficili  per questo identificare con chiarezza un solo riferimento per ogni paziente potrà migliorare lo scambio di informazioni, evitando per quanto possibile quella sensazione di abbandono che i parenti dei pazienti soffrono mentre sono in attesa del proprio turno”. Ha affermato il direttore sanitario Asl Taranto, Aldo Minerba.

L’obiettivo è quello di ridurre screzi e nervosismo: “È necessario uno sforzo da parte di tutti in termini di collaborazione, educazione e rispetto reciproco da parte dei pazienti e degli accompagnatori per permettere ai medici e agli infermieri di lavorare al meglio delle proprie possibilità; da parte del personale sanitario per garantire ai pazienti giustamente preoccupati un approccio più umano”. Ha affermato il Direttore generale Vito Gregorio Colacicco.

Condividi la notizia:

Chi siamo

Quotidiano online sulla sanità pugliese in particolare sulla provincia di Lecce, Brindisi e Taranto. Per inviare i vostri contributi: pugliasanitanews@gmail.com

Ultime notizie

  • All Post
  • Alimentazione e benessere
  • Ambiente & Salute
  • Associazioni
  • Attualità
  • Avvisi
  • Aziende
  • Bari
  • Bat
  • Brindisi
  • Cura e Cultura
  • Diritto & Salute
  • Eventi
  • Farmacia
  • Foggia
  • Fondazioni
  • Internazionali
  • Interviste di PugliaSanita
  • Lecce
  • Mi curo di te
  • Nazionali
  • News
  • Prima pagina
  • Primissima
  • Redazione
  • Regionali
  • Ricerca
  • Rubriche
  • Senza categoria
  • Sport e Salute
  • Taranto

© 2023 Created by Bpmsoft Srl