web analytics

Perrino Brindisi: precisazioni su attività Utin

Recentemente, alcune notizie apparse sulla stampa hanno sollevato interrogativi e preoccupazioni riguardo all’Unità di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Perrino di Brindisi. In merito a questo si precisa che l’Unità di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Perrino di Brindisi è attualmente operativa e funzionante regolarmente.

La struttura accoglie ricoveri di prematuri e neonati in condizioni critiche che richiedono cure di tipo intensivo e sub-intensivo. La presenza di personale qualificato e attrezzature all’avanguardia è fondamentale per garantire la salute e il benessere dei piccoli pazienti.

Tuttavia, è emersa una carenza di personale che ha reso necessario il ricorso a soluzioni alternative. I turni dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale vengono attualmente coperti con il supporto dei medici di Pediatria di Brindisi e Francavilla Fontana.

Inoltre, è ancora attiva la convenzione con la Neonatologia del Policlinico di Bari, che fornisce ulteriore sostegno e risorse umane per fronteggiare l’emergenza.

Un elemento rilevante è la sospensione temporanea, dal mese di luglio, dei ricoveri dei neonati con età gestazionale al di sotto delle 34 settimane. Questa decisione è stata presa in coordinamento con il Centro Hub nel Fazzi di Lecce, individuato attraverso la delibera di Giunta regionale 1933/2016.

La sospensione riguarda esclusivamente i pazienti presi in carico attraverso la procedura STAM (Servizio di Trasporto Assistito Materno) per gravidanze a rischio che necessitano di cure con un maggiore livello di complessità.

La procedura STEN (Servizio di Trasporto Emergenza Neonatale) è stata attivata per i neonati le cui condizioni cliniche impedivano il trasporto e il cui parto è avvenuto in urgenza presso l’Ospedale Perrino.

La situazione attuale solleva legittime preoccupazioni tra la comunità locale, specialmente tra i genitori dei neonati che necessitano di cure intensive. Tuttavia, è fondamentale evidenziare gli sforzi congiunti delle autorità sanitarie locali e regionali per affrontare questa emergenza. Le soluzioni adottate, seppur temporanee, mirano a garantire la continuità delle cure neonatali in condizioni difficili.

Le autorità si sono impegnate a monitorare costantemente la situazione e ad adottare ulteriori misure se necessario. In questo contesto, la collaborazione con il Centro Hub nel Fazzi di Lecce e la Neonatologia del Policlinico di Bari rimane cruciale per assicurare risorse aggiuntive e un supporto costante.

In conclusione, la situazione attuale dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Perrino di Brindisi richiede un’attenzione accurata. È fondamentale garantire che i neonati in condizioni critiche ricevano le cure necessarie e che le risorse umane e tecniche siano adeguate per affrontare questa sfida.

La trasparenza e la comunicazione aperta tra le autorità sanitarie e la comunità sono essenziali per gestire efficacemente questa emergenza e assicurare il benessere dei piccoli pazienti.

Condividi la notizia:

Chi siamo

Quotidiano online sulla sanità pugliese in particolare sulla provincia di Lecce, Brindisi e Taranto. Per inviare i vostri contributi: pugliasanitanews@gmail.com

Ultime notizie

  • All Post
  • Alimentazione e benessere
  • Ambiente & Salute
  • Associazioni
  • Attualità
  • Avvisi
  • Aziende
  • Bari
  • Bat
  • Brindisi
  • Cura e Cultura
  • Diritto & Salute
  • Eventi
  • Farmacia
  • Foggia
  • Fondazioni
  • Internazionali
  • Interviste di PugliaSanita
  • Lecce
  • Mi curo di te
  • Nazionali
  • News
  • Prima pagina
  • Primissima
  • Redazione
  • Regionali
  • Ricerca
  • Rubriche
  • Senza categoria
  • Sport e Salute
  • Taranto

© 2023 Created by Bpmsoft Srl