web analytics

Asl Brindisi: otto “Babalù” faranno compagnia ai piccoli pazienti del Perrino

“Otto Babalù dalle diverse forme e colori faranno compagnia ai piccoli pazienti del reparto di Pediatria dell’ospedale Perrino di Brindisi – è quanto si legge sui canali social di Asl Brindisi in seguito alla donazione dei simpatici supporti per le flebo da parte del gruppo Giovani dell’Avis provinciale, in collaborazione con l’associazione Portatori sani di sorrisi.
I Babalù, donati dal gruppo Giovani dell’Avis provinciale in collaborazione con l’associazione Portatori sani di sorrisi, sono supporti per le flebo e raffigurano simpatici animali cavalcabili che trasformano in un gioco un’esperienza poco piacevole per i bambini. Sono state donate due tipologie del dispositivo medico, una più grande da utilizzare in corsia e una più piccola da portare in sala operatoria.
Fulvio Moramarco, direttore del reparto, ha ringraziato per il dono ricevuto e ha affermato che “nei miei ventidue anni di presenza al Perrino, i brindisini hanno sempre mostrato estrema attenzione per la Pediatria dell’ospedale, come provato dalle innumerevoli donazioni che nel corso degli anni hanno arricchito la nostra unità: librerie, televisori, la ludobarella – una barella a forma di automobile che scorrazza in ospedale e piace tanto ai bambini – ne sono solo un esempio. In questo tempo ho visto una generosità commovente: vi ringrazio a nome mio, della mia équipe e naturalmente di tutti i bambini che hanno già mostrato di gradire la presenza dei nuovi amici in corsia”.
Sergio Zezza, presidente provinciale Avis, ha sottolineato l’impegno del gruppo Giovani che con una serie di iniziative organizzate in provincia ha raccolto i fondi necessari all’acquisto dei presidi medici. “Speriamo che i Babalù rimangano vuoti – ha esordito Zezza – e che nessuno ne abbia bisogno. Al di là delle nostre speranze, questo è un progetto ideato e reso concreto dai giovani dei gruppi provinciali che hanno messo insieme le forze per portare avanti la mission di Avis, la promozione della donazione, affiancandola alla diffusione dei valori di empatia e solidarietà”.
In veste di clown-terapeuta c’era Pierangelo Muci, presidente dell’associazione Portatori sani di sorrisi, che ha realizzato idealmente e materialmente i Babalù. “Questi sono veri e propri dispositivi medici – ha spiegato Muci – progettati e certificati per essere presenti nelle stanze degli ospedali a sostituire i classici portaflebo. Ringrazio di cuore i giovani dell’Avis. Si dice sempre che i ragazzi siano disinteressati ma non è vero: con loro sono bastate un paio di telefonate per sintonizzarci sulle stesse frequenze e rendere realtà quello che avevamo in testa per i bambini della Pediatria di Brindisi”.

Condividi la notizia:

Menù

Chi siamo

Quotidiano online sulla sanità pugliese in particolare sulla provincia di Lecce, Brindisi e Taranto. Per inviare i vostri contributi: pugliasanitanews@gmail.com

Ultime notizie

  • All Post
  • Alimentazione e benessere
  • Ambiente & Salute
  • Associazioni
  • Attualità
  • Avvisi
  • Aziende
  • Bari
  • Bat
  • Brindisi
  • Cura e Cultura
  • Diritto & Salute
  • Eventi
  • Farmacia
  • Foggia
  • Fondazioni
  • Internazionali
  • Interviste di PugliaSanita
  • Lecce
  • Mi curo di te
  • Nazionali
  • News
  • Prima pagina
  • Primissima
  • Redazione
  • Regionali
  • Ricerca
  • Rubriche
  • Senza categoria
  • Sport e Salute
  • Taranto

© 2023 Created by Bpmsoft Srl